A distanza di una pizza ed una bella dormita dalla fine della conferenza di ieri a L'Aquila è arrivato il momento di tirare le somme di una giornata davvero bella.
In realtà la nostra esperienza parte da lunedì sera quando insieme agli organizzatori della conferenza siamo andati a cena fuori, sparandoci almeno 2 etti e mezzo di carbonara a testa ed una grigliata mista di carne che ci ha tenuti tutta la notte attaccati alla bottiglia :).

Poi la conferenza; per me è stato emozionante l'annuncio live di Daniele della nascita dei due nuovi pargoli (in articolare per LINQItalia visto che lo gestisco io).

Poi si parte con Pietro che ha mostrato come IIS7 sia uno dei prodotti più belli sfornati da Microsoft negli ultimi decenni. La pipeline integrata con ASP.NET è un autentico gioiello.

Dopo è il mio turno, anzi il turno di LINQ To ... appena salito sul palco una delle prime domande che ho fatto al pubblico è stata "Quanti di voi credono che LINQ sia solo un motore per lavorare con il database?". Come era facile aspettarsi molti hanno alzato la mano perchè ciò che è permeato durante la beta e anche adesso è solo LINQ To SQL. Mi ero preparato a questa evenienza e quindi avevo già impostato una sessione che non parlasse di LINQ To SQL ma di LINQ To Objects, LINQ To XML, LINQ To DataSet e solo alla fine di LINQ To SQL. La risposta del pubblico è stata fantastica; decine di domande, curiosità e apprezzamenti per LINQ in tutti i suoi Flavours con un'ovvia preponderanza per LINQ To SQL.

Dopo pranzo comincia Daniele, che dopo aver markettato per 40 minuti sulle nuove feature di Visual Studio 2008 ha finalmente cominciato a scrivere il codice che tutti si aspettavano. La sessione scorre via liscia, tra un bug e l'altro delle CTP Extension in Visual Studio, fino al momento delle domande dove la gente continuava a chiedere di LINQ più che di ASP.NET a tal punto che siamo dovuti intervenire io e Pietro per rispondere.

Infine è il turno di Cristian (Silverlight) che snocciola animazioni con xaml, come se fossero noccioline (cubi che girano, si allargano, immagini che ruotano bottoni che interagiscono con javacsript etc etc.). Certo quando ha parlato di IChar, IBottle, TuoTubo e ScatolaDiSapone forse è andato troppo oltre, ma proprio per questo gli vogliamo bene :). Nel complesso come parla lui di queste cose credo in Italia non ci sia veramente nessuno.

Gli utlimi byte li dedico agli organizzatori Daniele e Stefano che hanno fatto davver un gran bel lavoro perchè organizzare una conferenza non è mai facile e ci sono molte più cose da fare di quello che si immagini.

Gli ultimissimi byte vanno invece alle persone che ad ogni conferenza affrontano il caldo, il freddo, il maltempo e qualunque catastrofe naturale pur di esserci. Domande, partecipazione, battute, curiosità e voglia di apprendere; questo è stato grazie a voi un evento ancora più bello.

I byte finali vanno come saluto al mini-speaker Alessio Bochicchio che si destreggiava abilmente nella tombolata delle estrazioni dei premi :)

Stay Tuned...

Commenti

Visualizza/aggiungi commenti

FWC il giorno dopo
| Condividi su: Twitter, Facebook, LinkedIn

Per inserire un commento, devi avere un account.

Fai il login e torna a questa pagina, oppure registrati alla nostra community.

Nella stessa categoria
I più letti del mese