AJAX non sempre lava più a fondo... (2)

di , in Sviluppo web,

Finirò con il creare una categoria di post per questo argomento, lo so :D

Alcune riflessioni pubbliche fresche fresche: il mio compaesano Paolo Pialorsi, che sapevo già come la pensava nonostante abbia una serpe in seno :) e Marco Bellinaso, che però ormai si è abituato a Sharepoint e quindi, tutto sommato, con Javascript ha già un rapporto :)

Su Sharepoint, nessuno, neanche sotto tortura, riuscirà a farmi dire cosa ne penso davvero - almeno fino a che non uscirà la prossima versione :D

Marco in particolare (e ragionevolmente) sviluppa alcuni discorsi che non ho voluto approfondire sia per una questione di lunghezza (quando comincio a parlare di un argomento che mi interessa, finisco per dilungarmi troppo, molto spesso) che per pigrizia (d'altra parte la mia estate finisce tra 2 giorni) ho evitato nel mio primo post.

Assodato che ci sono ambiti in cui AJAX è utile (ho usato una roba del genere nemmeno 5 giorni fa per un progettino su MCE, anche se non l'ho chiamato AJAX...), resta da stabilire perchè, ogni due anni, ci sia qualcosa che tenta di distorcere quello che il web fa. Ovviamente il motivo migliore è che un'applicazione web non ha "sorgenti", non viene distribuita, gira su un server su cui in genere è facile intervenire per aggiornamenti, e qui aggiungeteci tutte le belle cose che ci hanno insegnato a scuola sull'architettura HTTP :)

Assodato questo, quello che Marco fa notare è che preferisce sviluppare due versioni dello stesso sito, in base alle funzionalità dei browser. Il che ci porta indietro, di nuovo.

Insisto: di un sito web andrebbe fatta una sola versione, che dovrebbe funzionare su tutti i browser (almeno, quelli che si avvicinano agli standard). Bastano i CSS, se è necessario, per stabilire cosa visualizzare e cosa no. I CSS sono più che comodi ma è un altro discorso.

Per chiudere, almeno per ora, il discorso su AJAX, dico la mia utopia, che spero tra un po' trovi conferma.

In ASP.NET 2.0, anche se non l'hanno sviluppato a dovere, c'è un nuovo adaptive rendering che dovrebbe favorire la creazione di controls in grado di adattarsi al dispositivo. Non sarebbe affatto male se i controlli di Atlas fossero in grado di fare un sano PostBack quando il client non è in grado di utilizzare Javascript. Ci sono posti dove un PocketPC è decisamente più comodo di un portatile :)

Con tutto questo, nei prossimi mesi leggerete e vedrete Ajax negli articoli che pubblicheremo e nell'evento (a settembre altre news) che faremo. Il fatto che non convinca me non è affatto significativo, a tanta gente potrebbe cambiare la vita :)

Commenti

Visualizza/aggiungi commenti

AJAX non sempre lava più a fondo... (2)
| Condividi su: Twitter, Facebook, LinkedIn

Per inserire un commento, devi avere un account.

Fai il login e torna a questa pagina, oppure registrati alla nostra community.

Nella stessa categoria
I più letti del mese