App_Offline.htm e la sua quasi inutilità

di , in .Net 2.0,

Una delle nuove feature di asp.net 2.0 aggiunta all'ultimo minuto è la famigerata pagina App_Offline.htm che se inserita nella root dell'applicazione fa lo shutdown dell'Appdomain e diventa l'unica pagina vista da chiunque tenti di connettersi.

All'inizio ho pensato che questa feature fosse interessante ed utile, ma proprio ieri quando mi accingevo ad utilizzrala mi sono reso conto della sua quasi totale inutilità. Da un punto di vista è molto comodo poter spostare in produzione gli aggiornamenti senza che alcun utente sia connesso, ma finita questa operazione, che in genere dura pochi secondi o minuti in caso di situazioni più complesse, c'è bisogno di fare un giro di test per controllare il corretto funzionamento di tutto.

Purtroppo questa fase non è attuabile perchè come si prova ad accedere all'applicazione si viene reindirizzati alla pagina di Offline. Se però si elimina la pagina, tutti gli utenti possono entrare e addio test finali. Visto che i test finali in genere prendono diverso tempo, sicuramente molto più del semplice aggiornamento dei file, direi che questa feature è molto monca e poco utile.

Partendo dall'idea di voler comunque mettere l'applicazione offline in maniera gradevole per l'utente, ecco che si arriva alla naturale conclusione che un HttpModule è quello che ci vuole. Si crea una sezione personalizzata nel web.config che serve a specificare se l'applicazione è offline. Nell'HttpModule si gestisce l'evento AuthorizeRequest e se l'utente è autenticato ed è amministratore allora viene autorizzato ad entrare, altrimenti viene rimandato al login. Una volta effettuato il login, se l'utente è amministratore allora viene autorizzato ad entrare, altrimenti viene rimandato alla pagina di offline.

Il tutto è quasi pronto, mancano gi ultimi ritocchi al codice ed il gioco è fatto, aspettatevi novità nel Lab :)

Stay Tuned...

Commenti

Visualizza/aggiungi commenti

App_Offline.htm e la sua quasi inutilità
| Condividi su: Twitter, Facebook, LinkedIn, Google+

Per inserire un commento, devi avere un account.

Fai il login e torna a questa pagina, oppure registrati alla nostra community.

Nella stessa categoria
I più letti del mese