Il routing è quella funzionalità introdotta con ASP.NET 3.5 SP1, grazie ad una necessità di ASP.NET MVC, che ci permette creare URI decisamente più SEO. Nel nostro libro su ASP.NET 4.0 ne parlo abbondantemente e la sua forza risiede nella sua indipendenza dall'handler che deve processare la richiesta. Non dobbiamo infatti pensare che sia una caratteristica limitata ad ASP.NET MVC ne tanto meno ad ASP.NET WebForm. A tal proposito è curioso come si tende a separare le due tecnologie quando una ViewPage (classe base delle view di MVC) sia comunque una Page (classe base delle webform) che da essa erediti tutte le caratteristiche in parte poi non utilizzate, ma che in ogni modo lo rende un handler ASP.NET sottoposto alla medesima pipeline di esecuzione di una richiesta.

Volendo allargare ancora di più la visione, ASP.NET si presta anche per altri motori, come per esempio i servizi WCF. Se ne sviluppiamo uno, possiamo ospitarlo all'interno di IIS tramite i file .svc, ma questo presenta, soprattutto per le WebAPI esposte tramite REST, un brutto difetto. Un WCF Data Services viene infatti raggiungo con un URI simile a http://localhost:41874/WcfDataService1.svc/MiaOperazione di difficile comprensione e poco SEO.

 Public Class Global_asax
    Inherits System.Web.HttpApplication

    Sub Application_Start(ByVal sender As Object, ByVal e As EventArgs)

        RouteTable.Routes.Add(New ServiceRoute("products", New DataServiceHostFactory(), GetType(WcfDataService1)))

    End Sub

Con queste poche righe possiamo richiamare il servizio con l'URI http://localhost:41874/Products/MiaOperazione. Molto meglio :-)

Commenti

Visualizza/aggiungi commenti

Routing alla massima potenza 1010 3
| Condividi su: Twitter, Facebook, LinkedIn, Google+

Per inserire un commento, devi avere un account.

Fai il login e torna a questa pagina, oppure registrati alla nostra community.

Nella stessa categoria
I più letti del mese