Le novità di WPF 3.5 nel service pack 1

di , in .NET 3.5,

Come sappiamo è in corso lo sviluppo del service pack 1 del .NET Framework 3.5 e anche WPF non immune da nuove funzionalità.

Cominciamo dai controlli che si arricchiscono dei nuovi DataGrid, WebBrowser e in futuro anche di Office Ribbon. Il primo, fortemente richiesto, supporta modifiche in place transazionali, ordinamento, multi selezione, validazione e la virtualizzazione delle righe e delle colonne come già avviene, per esempio, per la ListBox. Il WebBrowser invece, in alternativa al Frame, permette di accedere al DOM della pagina, avere un maggior controllo del componenti IE e consente di incorporare anche applicazioni in Silverlight.

Ai nuovi controlli si aggiungono piccoli ritocchi:

  • supporto StringFormat nelle espressioni di Binding;
  • template per righe alternate negli ItemsControl;
  • la virtualizzazione delle righe per gli ItemsControl può ora reciclare (attached property VirtualizationMode) gli elementi non più visibile e permettere lo scrolling e relativa creazione degli elementi solo quando l'utente rilascia il mouse (attached property IsDeferredScrollingEnabled), così da risparmiare memoria. Anche la TreeView supporta ora la virtualizzazione degli elementi. Per maggiori informazioni sull'attuale funzionamento è disponibile questo articolo;
  • nuova interfaccia IEditableCollectionView per intervenire tramite viste sulle sorgenti dati;
  • supporto al binding con sorgenti Linq To Sql e Linq To Entities migliorando inoltre le performance con IEnumerable;
  • miglioramenti di performance nel rendering di testo, nella grafica 2D e nella classe WriteableBitmap;
  • alla proprietà BitmapEffect si affianca Effect che a differenza dell'altra permette di utilizzare effetti come blur e shadow mediante l'accelarazione grafica e sfruttando le capacità di pixel shader delle GPU, rendendolo di fatto di gran lunga più performance rispetto all'elaborazioni bitmap basate su CPU;

A tutto questo non mancano miglioramenti all'ambiente di sviluppo in Visual Studio 2008, costituiti da un completo supporto agli eventi e agli style, al refactoring e references degli elementi, ad una migliore segnalazione dei problemi in caso di eventuali errori a runtime nel markup, non rilevati in fase di compilazione.

Per ultimo vi sono novità sul fronte client (quindi anche WinForms) e al deployment degli applicativi. E' prevista una nuova modalità "Client profile" che consente di distribuire l'applicativo richiedendo solo un sotto insieme degli assembly contenuti nel framework escludendo quelli che trovano utilità solo in applicazione server, come per esempio la parte di ASP.NET, riducendo il setup a circa 20MB (rispetto a 270MB totali).
Ad esso si unisce un piccolo bootstrapper, compatibile con ClickOnce (interfaccia ora personalizzabile), che si occupa di installare l'intero .NET Framework 3.5 o se richiesto solo il sotto insieme client e in un secondo momento, se richiesto da un'ulteriore applicazione, di installare il restante Framework. Anche Visual Studio 2008 supporta questa modalità e presenta degli errori in fase di compilazione nel caso dovessimo usare assembly non presenti nel Framework ridotto.

Non ci sono eclatanti novità a dimostrazione del fatto che già WPF nella sua prima versione era già un ottimo framework, ma devo dire che mi soddisfano. Forse resta l'ambiente di sviluppo ancora un po' indietro e manca ancora di molte funzionalità, ma a piccoli passi forse ce la faremo :-)

Commenti

Visualizza/aggiungi commenti

Le novità di WPF 3.5 nel service pack 1
| Condividi su: Twitter, Facebook, LinkedIn, Google+

Per inserire un commento, devi avere un account.

Fai il login e torna a questa pagina, oppure registrati alla nostra community.

Nella stessa categoria
I più letti del mese